Formentera: le 5 cose da fare assolutamente

Formentera la più piccola delle isole delle Baleari ed è un vero e proprio gioiello naturale. La natura incontaminata, ancora selvaggia, e il mare cristallino – grazie alla presenza delle prateria di Posidonia Oceanica che ne conferisce la trasparenza – attribuiscono all’isola quel fascino in più rispetto ad altre mete turistiche. Ma l’isola non è solo mare e spiagge, ci sono almeno cinque cose da non perdere.

Visitare l’atelier di Schoppi

In pochissimi sanno chi è stato Schoppi e che cosa ha rappresentato per gli isolani. Schoppi era l’artista hippy di origini tedesche che per tutti gli anni ’70 e fino alla sua scomparsa, nel 2007, ha reso omaggio all’isola con delle sculture imponenti e molto colorate. Alcuni fenicotteri giganti li potete ancora vedere nel giardino di qualche villa privata. Il suo atelier che si trova nella strada per andare a San Francesc arrivando dal porto, è una piccola casa molto colorata. La noterete subito. Oggi questo piccolo showroom e il ricordo di Schoppi è mantenuto vivo da Abigail e il suo compagno Oscar che hanno appreso la tecnica dell’artista tedesco e sono in nuovi “custodi” dell’atelier. Fateci un salto, non ve ne pentirete!

Fare shopping

Sull’isola ci sono diversi negozi e per tutti i gusti. Da piccoli manufatti di artigianato locale, a oggetti per la casa, abbigliamento e chincaglierie di ogni genere. Si può fare shopping ai mercatini: ce ne sono diversi sull’isola e quasi tutti i giorni oppure in uno dei numerosi negozi. Particolare è la tenda di Janne, che realizza dei magnifici bikini. I suoi costumi sono famosi in tutto il mondo: originali e davvero alla moda. Per gli amanti del vintage invece, fate un salto da Vintage Formentera, una piccola boutique vintage super curata in ogni dettaglio. Vi colpirà ancor prima di entrare.

Visitare uno dei fari dell’isola

Uno dei fari più gettonati è il Faro de La Mola citato perfino dallo scrittore Jules Verne nel suo celebre romanzo “Le avventure di Ettore Servadac”. Il faro situato nella parte più occidentale dell’isola è raggiungibile in bicicletta o motorino (di solito si evita la macchina a Formentera). Il mercoledì poi, nella piazza adiacente al Faro si svolge il mercatino dell’antiquariato, un vero e proprio melting pot della cultura e della tradizione dell’isola.

Fare un giro in bicicletta alle Saline

Seguite in bicicletta uno dei percorsi verdi proposti dal Comune di Formentera. Tra questi ce n’è uno che vi condurrà nel suggestivo mondo delle saline, a testimonianza della presenza dell’industria del sale. Qui potrete inoltre ammirare anche diverse specie animali tra cui l’endemica lucertola, anche simbolo di Formentera, e gli scarabei. Ci sono inoltre oltre 150 specie di piante tra i quali i pini (da qui Formentera assieme alla sorella Ibiza vengono chiamate le isole pitiuse, per la forte presenza di pini nella vegetazione)

Fate una gita all’Isola d’ Espalmador

L’isola d’Espalmador è un’isolotto privato che dista a soli venti minuti circa di traghetto da Formentera. La proprietà appartiene ad una famiglia ma c’è libero accesso ai turisti. L’isola si può raggiungere via mare attraverso delle compagnie di traghetto che organizzano i viaggi in giornata, una tra questi la Barca Bahia (costo circa 22.50 Euro, i biglietti si possono acquistare presso il Ristorante il Ministre). Come dicevamo non ci sono strutture ricettive, pertanto è buona norma portare con se dell’acqua, del cibo e qualcosa per ripararsi. L’isola fa parte di una Riserva Naturale pertanto mi raccomando, siate dei turisti responsabili.