Per raggiungere le Bocche del Cattaro, a meno che non abbiate intenzione di giungervi via terra direttamente dalla Croazia meridionale, potrete raggiungere la città di Barcon il traghetto imbarcandovi dal porto di Bari e poi raggiungere, con circa un’ora di viaggio in bus, la città di Kotor (Cattaro). In alternativa, l’aeroporto di Tivat è situato a circa una decina di chilometri da Cattaro e potrete utilizzare o il vostro mezzo privato o uno degli shuttle che collega l’aeroporto con Kotor.

Kotor, uno dei centri di maggiore interesse del Montenegro, ha una lunga storia alle sue spalle e, oltre a possedere la caratteristica di essere stata edificata all’interno di un centro urbano completamente fortificato, sia dal punto di vista militare che estetico, possiede un ricco centro urbano caratterizzato da chiese medioevali, come San Luca, Sant’Anna e Santa Maria, e una meravigliosa cattedrale: San Trifone. Altrettanto emozionanti sono le diverse piazze e slarghi presenti nella città e che creano un insieme di dodici piazze unico nel suo genere e che ospita edifici e monumenti interessanti come il Palazzo Ducale e la Torre dell’orologio di Cattaro. Se poi, insieme al divertimento culturale vorrete fare un po’ di esercizio, provate a scalare il 1350 scalini che vi porteranno in cima al Monte Sv. Ivan che, con i suoi 1200 metri di altitudine, è la cima più bassa del complesso del monte Lovcen (Monte Leone in italiano), massiccio montenegrino che – oltre ad ospitare un meraviglioso parco naturale dalla vegetazione ricca e in cui vivono tuttora più di 1100 specie naturali – è culla di alcune costruzioni tradizionali come i katuni, le antiche capanne estive dei pastori-guerrieri del Montenegro. Inoltre, durante il vostro soggiorno a Kotor, non dimenticate di visitare la città di Risan, vecchio capoluogo durante i tempi antichi e affascinante centro urbano che conserva ancora oggi edifici, iscrizioni e mosaici. Risan possiede quasi il 70% del patrimonio artistico dell’intero Montenegro e, per questo motivo, è sotto la protezione dell’UNESCO. Infine, se avrete la fortuna di visitare questa zona del Montenegro durante il periodo di Carnevale, una delle feste popolari che dura più di un mese secondo la tradizione montenegrina, avrete modo di partecipare alla Notte delle Bocche, ossia quando, seguendo la tradizione di feste simili di origine veneziana, le barche decorate e illuminate sfilano lungo le coste e il golfo viene illuminato da magnifici fuochi d’artificio. Oppure, se visiterete Cattaro durante i mesi estivi, il 22 luglio potrete recarvi presso la cittadina di Perast e ammirare la suggestiva cerimonia in cui tutte le imbarcazioni delle città, piene di sassi e legate le une alle altre, si avviano verso l’isoletta della Madonna dove si erige la splendida chiesa della Madonna dello Scarpello, costruita, secondo la tradizione, proprio il 22 luglio del 1452.

Le attività che potrete svolgere durante la vostra vacanza nel Montenegro sono moltissime. Oltre a visitare i parchi naturali delle Bocche di Cattaro, potrete recarvi presso la cittadina di Tivat, vicino alla penisola di Vrmac, e scegliere una delle diciassette spiagge che caratterizzano la riviera; oppure, se amate il trekking e le passeggiate di montagna, potrete consultare il club di montagna “Lo Scoiattolo” della città di Kotor e affidarvi a loro per escursioni di ogni tipo tra le Bocche di Cattaro.