Facebook RSS Feed Youtube Google Plus

Voglio Vivere Così Magazine
Guida lavoro per l'estero
Minorca, il mio rifugio
Isola di Creta
Isola di Rodi
Isola di Malta

Sicilia

Cefalù: la perla nera del mediterraneo

in vacanza in sicilia

Cefalù piccola cittadina a metà strada tra Palermo e Messina, sorge ai piedi un promontorio roccioso ed è conosciuta per le sue meraviglie naturaliste e archeologiche. Considerata uno tra i più bei borghi d’Italia, è stata soprannominata la Perla nera del mediterraneo per le sue acque cristalline. Affascinante sia in questo periodo, anche se sovraffollata che fuori stagione, la città conserva ancora i segni del passato, come la Cattedrale normanna abbellita dagli eccezionali mosaici bizantini.

Il centro storico è caratterizzato da intricate strade e vicoli stretti, monster-beats-solo-beats-by-dre-studio tipici dell’architettura prettamente araba, come anche alcuni piccoli resti archeologici, come il lavatoio ricavato direttamente dalla roccia.

Il Duomo è avvolto da un’affascinante leggenda: Ruggero II dopo essere scampato a una brutta tempesta, volle edificare l’edificio religioso proprio in prossimità della costa. L’imponente Cattedrale è in tipico stile normanno, con due torri che si ergono verso l’alto, un ernome portone di marmo bianco e all’interno splendidi mosaici bizantini ancora perfettamente intatti.

Il lido di Cefalù si trova immediatamente sotto il paese pertanto è facilmente raggiungibile. 2017 nfl jerseys for sale best sellers Famosa per le sue acque cristalline e la sabbia dorata, è perfetta per famiglie e ragazzi, perché presenta sia zone libere sia attrezzate con stabilimenti. La ricca diversità del litorale consente di scegliere la tipologia di spiaggia che più si avvicina alle nostre esigenze, come la rocciosa Spiaggia Caldura, o la sabbiosa Salinelle, o la spiaggia ciottoli di Capo Playa.

Al calar del sole si scatena la vita notturna a partire da ricchi aperitivi musicali, ristorantini spettacolari sul lungomare, wholesale moncler outlet dove è possibile assaporare sia la cucina palermitana che messinese.

La città può essere raggiunta attraverso diversi mezzi di trasporto. Chi vuole raggiungere la costa nord-orientale della Sicilia via mare può scegliete uno dei tanti Traghetti per la Sicilia che vi condurranno presso lo scalo portuale di Palermo, successivamente percorrete 80 km sull’autostrada A20 in direzione Messina e in un’ora e mezza sarete a destinazione. Per i più pigri e amanti delle comodità basterà prendere un aereo per l’aeroporto di Palermo e noleggiare un’auto.

La perla nera vi aspetta!

San Vito lo Capo: uno dei tesori nascosti della Sicilia

san vito lo capo

San Vito lo Capo, uno dei tesori nascosti della Sicilia

Di tesori nascosti la Sicilia ne ha eccome. Tra acque cristalline, spiagge mozzafiato, riferimenti culturali di gran pregio, piatti tipici ed un clima da viversi nel pieno stile mediterraneo, la Sicilia entra di ruolo tra le località ideali presso cui trascorrere le proprie vacanze. In particolare San Vito lo Capo è uno di quei gioielli siculi di primaria importanza, una delle mete vacanziere che meglio esprimono l’essenza di questa straordinaria regione. (more…)

Vacanze in Sicilia presso la Riserva Naturale del Parco dello Zingaro

riserva dello zingaro

Riserva dello Zingaro: un paradiso naturale in Sicilia

La riserva naturale del Parco dello Zingaro si estende nella parte ovest del golfo di Castellammare, vicino a San Vito Lo Capo e Trapani, e vanta circa sette chilometri di costa e più di 1.700 ettari di natura popolata da una flora e fauna incredibilmente affascinante e unica nel suo genere. La riserva dello Zingaro, con i suoi sette chilometri di costa dalla natura incontaminata, conta inoltre una grande varietà di baie e cale dalle acque cristalline e dalla pavimentazione di ciottoli bianchi.

Il parco naturale dello Zingaro è visitabile e accessibile solo a piedi e possiede due ingressi, uno che dà sul versante di Scopello e un secondo nella parte nord del parco e vicino a San Vito Lo Capo. Per chi proviene dall’Italia, la soluzione migliore è giungere al parco tramite l’autostrada A29 Palermo-Mazzara del Vallo e giungere all’entrata sud, oppure, percorrere la strada statale 187 fino a San Vito Lo Capo per accedere all’entrata nord del Parco dello Zingaro. È possibile inoltre raggiungere il parco tramite autobusoppure in traghetto approdando ai porti di Trapani o Palermo. michael kors backpack wallet 2

Se deciderete di spendere qualche giorno all’interno del Parco dello Zingaro, una delle soluzioni migliori è quella di alloggiare nella vicina San Vito Lo Capo e scegliere uno dei tanti alberghi, case vacanze, hotel, B&B, ostelli o campeggi presenti nella zona. Questa località siciliana, nonostante sia di “recente” creazione è comunque molto interessante dal punto di vista culturale, gastronomico e delle attività che potrete svolgere durante la vostra vacanza in questa parte della Sicilia. Oltre alla spiaggia di San Vito Lo Capo, potrete infatti decidere di recarvi alla Baia Santa Margherita, situata vicino al paese di Castelluzzo, che offre la possibilità di spendere una giornata di mare in una spiaggia completamente ecosostenibile e chiusa al traffico veicolare. Se poi siete amanti del diving, non perdetevi le immersioni che potrete fare lungo il tratto di costa di San Vito Lo Capo e che vi permetteranno di osservare una natura marina davvero incredibile e persino ammirare un fondale di coralli. Oppure, prenotate un’escursione in barca ed esplorate le cale e le grotte più belle della “Costa Gaia”. michael kors access apple watch Infine, non dimenticate di visitare la Tonnara del Secco situata nelle vicinanze di Castellammare e ormai in disuso ma famosa per le sue antiche mattanze e per essere stata utilizzata più volte come location per molti set cinematografici.

Le attività che potrete svolgere all’interno della riserva naturale del Parco dello Zingaro sono moltissime e – al di là di escursioni all’interno del parco percorrendo i vari sentieri fino alle baie e cale incontaminate (tra le spiagge e baie più quotate e rinomate troviamo Punta della Capreria, Cala Marinella e Cala Beretta) o ai numerosi rifugi sparsi all’interno del parco – potrete ad esempio svolgere passeggiate notturne della durata di circa tre ore per conoscere la fauna notturna di questo luogo magico e senza tempo, oppure assistere, a metà luglio, alla antica mietitura dei vari vigneti e frutteti ancora attivi all’interno della riserva naturale.